CONTATORE

Sommario

l'MTC

l'MTC
dal 10 al 25 del mese

The Recipe-tionist

The Recipe-tionist
Dal 15 al 31

I NOSTRI VIDEO ....

PER VEDERE I NOSTRI VIDEO (TROPPO DIVERTENTI!) ANDATE IN ALTO ALLA DESTRA DELLA SCRITTA HOME PAGE

Lettori fissi

Magali

Magali
venerdì 12 marzo 2010
Magali ed io ci domandavamo “perché la maggior parte delle persone è spinta dal desiderio di conoscere il proprio futuro?”. E’ da molto tempo che a noi questo non interessa, forse perché vogliamo sia una sorpresa. Vogliamo trepidare per le nostre attese, telefonate o mail che attendiamo, per le prossime scoperte, per i possibili incontri, per tutto ciò che ci aspetta.
Preferiamo godere del presente, piuttosto che porci domande sul nostro futuro, e se ci fosse dato di sapere, tutto, ma proprio tutto anche le vicissitudini tristi che ci attendono, avremmo tutta questa smania di conoscere?
La pelosotta ed io ci accontentiamo di stare bene oggi, di essere così come siamo. Io di perdermi nei suoi occhi cangianti, attraverso cui vedo il suo mondo, basato sui valori essenziali del vivere e lei non si pone molte domande, sicuramente perché lei è su un gradino molto più alto!
Lei ha detto che non capisce bene la differenza tra passato e futuro, ma è contenta di ciò che ha!
Le parole qui di seguito le trovo molto belle, non so più dove le ho lette …

Devi vivere come se non ci fosse il domani
Amare come se non avessi mai sofferto
Ballare come se fossi sola

Ora ecco il piatto del giorno, questa ricetta la preparava mia madre, di origine napoletana, e il termine gattò (non l’ha scritto Magali) è la “storpiatura” di gateau. Per me, essendo vegetariana lo preparo solo con il formaggio. Questa ovviamente non l’ho gustato, ma chi l’ha mangiato si è leccato i baffi!


Gattò di patate
Ingredienti per 4 persone:

700 g di patate
100 g di mortadella (io ho usato il prosciutto perché avevo quello)
100 g di fontina o formaggio che si scioglie
1 uovo
2 cucchiai di pangrattato
sale

Preparazione:
fate bollire le patate in acqua salata. A fine cottura schiacciatele ancora calde.
Tagliate a dadini la fontina.
Aggiungete alle patate l’uovo e un pizzico di sale se occorre. Mescolate con un cucchiaio di legno, se l’impasto dovesse risultare troppo consistente aggiungete un po’ di latte (io non ne ho avuto la necessità). Oliate una teglia da forno e fate un strato con l’impasto mettete uno strato di mortadella (o il prosciutto), della fontina, un altro strato di mortadella, dell’altra fontina e terminate con il restante impsto.
Spolverizzate di pangrattato.
Fate cuocere in forno a 180° per 30 minuti circa.
E come dice Magali “leccatevi i baffi!”.

1 commenti:

cristi ha detto...

Buono, buono. Mi lecco i baffi - che forse c'ho davvero!

Posta un commento

Dite la vostra!

ELENCO RICETTE

ELENCO RICETTE
clicca sul micio!

Cerca nel blog

Archivio blog

Ci siamo anche noi!

Tutti Uniti!

Tutti Uniti!

Siamo

Siamo