CONTATORE

Sommario

l'MTC

l'MTC
dal 10 al 25 del mese

The Recipe-tionist

The Recipe-tionist
Dal 15 al 31

I NOSTRI VIDEO ....

PER VEDERE I NOSTRI VIDEO (TROPPO DIVERTENTI!) ANDATE IN ALTO ALLA DESTRA DELLA SCRITTA HOME PAGE

Lettori fissi

Magali

Magali
mercoledì 20 febbraio 2019
All’età di 85 anni, il 19 febbraio, è morto il famoso stilista Karl Lagerfeld, rappresentativo couturier della Maison Chanel.
Colpiva per il suo aspetto eccentrico, una persona particolare, di grande talento, innamorato della sua gatta Choupette (in italiano Zuccherina) al punto di nominarla sua erede, dicendo agli altri di non preoccuparsi, perché il suo patrimonio era talmente vasto che ce ne sarebbe stato abbastanza per tutti.
Un grande nel suo lavoro e, per me, una persona capace di avere il coraggio di apparire sempre in modo eccentrico al punto di creare veramente un’icona con la sua persona e anche quella di Choupette, fino al punto di creare un marchio a lei dedicato che, non ci crederete, solo nel 2014 ha incassato quasi 3 milioni di euro.
Le sue creazioni sono infinite, vi ripropongo una serie di borse ironiche, divertenti, che rispecchiano il suo animo irriverente. Questa è la dimostrazione che, arrivati, ad un certo punto della vita, bisogna rompere gli schemi, dare un taglio alla monotonia e "tuffarsi" nel nuovo!

Pochette da sera😻

Quindi non posso che concludere dicendo "Bon voyage Karl" e chissà se anche "lassù" riuscirà a stupire!
martedì 19 febbraio 2019
Ho riflettuto, e per me, non lo si è mai ... Essere pronti a dire addio a una persona cara che parte per l'ultimo viaggio, al naufragio di un amore o semplicemente a dire no, ma non lo si è neanche per le cose belle. Essere pronti al relax, alla semplicità, a partire, a cambiare vita o semplicemente a un abbraccio inaspettato ...
Meditiamo, pratichiamo sport, forgiamo la mente e lo spirito, ma ci illudiamo di essere preparati ad affontare "quel momento" bello o brutto che sia, che può stordirci, stupirci, devastarci, illuminarci.
In realtà siamo esseri fragili, alcuni, come me, sempre alla ricerca di quell'introvabile libretto di istruzioni per vivere.
Qualcuno ha la fortuna, o per meglio dire la saggezza, di trascorrere il cammino della propria vita affiancata da un compagno a sè simile, una persona capace di comprendere, capire l'altro a livello affettivo e psicologico, forse non arrivare all'alto punto di condividere gli stati d'animo del partner, ma di accettarli e supportarli.
Per non tediarvi, concludo dicendo che mi sto "attrezzando" con tenacia per essere pronta, perchè mi illudo che soffrirei di meno in caso di esperienze negative, e saprei apprezzare e godere pienamente quelle positive, ma non sono certa di riuscir a raggiungere l'obiettivo!
lunedì 18 febbraio 2019
Il suo nome è Ralph Kiefer e me l'ha segnalato Fabio durante uno dei suoi viaggi.
Se vi capita di andare a Monaco di Baviera potrete imbattervi in questo artista. Nulla lo ha fermato, neanche il fatto che il suo strumento non sia propriamente da trasporto: lui gli ha messo le ruote!
Io lo trovo originale, determinato e assolutamente da prendere da esempio, per la serie: "volere è potere!"
Questo è il suo SITO e alcuni suoi video QUI e QUI
domenica 17 febbraio 2019
Ho aggiornato la ricetta di ieri e il succo misterioso non era niente altro che ...
il liquido di conservazione di ceci in barattolo😂 Incredibile di come, una volta montato, assomigli all'albume!
E ora usciamo dalla cucina! 
Il tenero Giacomo
Oggi è la festa del gatto quindi non posso che augurare tante coccole a tutti i nostri aMici 😻
Il nostro pensiero è rivolto anche ai Mici Marini che sono sempre nei nostri pensieri! Mi riprometto sempre di raccogliere un po' foto e fare un bel post.
Oltre alla foto di Giacomo che ora vive come un principe a casa della mia cara Amica Bruna vi lascio anche due video delle nostre micie casalinghe.
Se avete piacere di vedere il video di Magali CLICCATE QUI 
quello di The Queen CLICCATE QUI
sabato 16 febbraio 2019
Avrei potuto pubblicare questa ricetta un po' più avanti, perchè sarà ottima anche quest'estate, ma non ho potuto resistere, perchè aspetto le vostre reazioni!
Della serie "non si butta mai niente", della serie "ho voglia di qualcosa di dolce, godurioso, ma non calorico, della serie "ho voglia di sperimentare", con tutti questi "della serie" vi presento questa mousse che contiene oltre al tofu (che non è così usuale) anche un ingrediente misterioso, che infatti, è indicato come succo, ma non di cosa, forse sarebbe meglio definirlo liquido di ... Indovinate un po' di che si tratta! Sono brava e vi metto anche la fotografia, dopo averlo montato a neve, così vi facilito il compito😂
Ingrediente misterioso!
Vi garantisco che il sapore dopo il riposo in frigorifero migliora in modo esorbitante e vi assicuro che ingannerà i palati più sopraffini. E se avrete il coraggio di provare mi direte cosa ne pensate. La fotografia è scattata appena fatta, ante frigorifero, dopo rimane più compatta. 😋
Mystère mousse
Ingredienti per tre persone:
100 g di cioccolato fondente 47% cacao
100 ml di succo o meglio liquido di conservazione di ceci in barattolo
1 cucchiaino di zucchero
1 pizzico di sale
3 gocce di limone
200 g di tofu
3 cucchiai di sciroppo d’acero
una punta di cucchiaino di spezie (cannella, badiana, garofano, cardamomo)

Preparazione:
dividete la tavoletta in quadretti e fate fondere il cioccolato a bagno maria. Una volta fuso, lasciate nel bagno maria.
Filtrate il succo e mettetelo in una terrina e montate con le fruste elettriche a neve, prima dolcemente e poi più velocemente. Quando inizia a montare aggiungete lo zucchero, un pizzico di sale e il succo del limone.
Continuate con le fruste elettriche fino a che non sia montato a neve ben ferma.
Passate, lungamente, al mixer il cioccolato fuso con il tofu sgocciolato, una volta ben amalgamato aggiungete lo sciroppo d’acero, incorporate poi questo composto ai “bianchi” a neve nella terrina, mescolando delicatamente dall’alto verso il basso.
Ripartite il composto in piccoli stampi e metteteli in frigorifero almeno due ore prima di servire. Sarebbe meglio preparare questa mousse per lo meno 6 prima di gustarla.
E come dice Magali “leccatevi i baffi!”
venerdì 15 febbraio 2019
Per fortuna ieri è trascorso e oggi è un altro e spero nuovo giorno!
Questo "passo", forse perchè lo sento a me molto vicino, l'ho trovato molto illuminante e quindi da oggi mi affretterò molto lentamente come una tartaruga 🐢 in fuga😂
6 - RALLENTA
La maggior parte di noi corre troppo. Immaginiamo che tu ti imbatta  in un amico che non vedi da un po' e gli chiedi:”Come stai?”.Vent’anni fa la risposta tipica sarebbe stata:” Bene”, ma adesso la risposta più probabile è: “Male , indaffarato”.
Siamo Intrappolati con mail, telefonate, lunghe giornate di lavoro,  accompagnare i bambini da un posto all'altro, cercare di stare al passo con chiunque sia più veloce di noi.
Qualunque siano i motivi che causano tutto ciò nella tua vita, è piuttosto facile sentirsi come un cuoco, nell'ora di punta del ristorante, che deve preparare ordini veloci per il pranzo.
Ma la velocità provoca molti effetti collaterali negativi:
tutto questo fa sì che il nostro cervello rilasci ormoni che stimolano al massimo i nostri centri nervosi, come l'adrenalina e il cortisolo; una risposta, dunque, che indebolisce il nostro sistema immunitario e demoralizza.
Il sistema nervoso si mette in stato di allareme. Poniti questa domanda: hai mai notato che quando acceleri, sei più veloce nel cercare cose che ti fanno preoccupare e che ti irritano?
Ti dà meno tempo per pensare lucidamente per prendere decisioni.
Anche se “ il bisogno di velocità” può essere diventato un modo di vivere, è sempre possibile fare un cambiamento. Inizia con le piccole cose e lasciale crescere. Onestamente, rallentare è una di quelle azioni apparentemente piccole che potrebbero, però, cambiarti realmente la vita.
Come
Ecco alcuni modi per rallentare. Ti suggerisco di seguirne solo alcuni, non affrettarti a rallentare!
  • Fai alcune cose più lentamente del solito. Porta la la tazza con calma alle labbra, fai finire gli altri di parlare prima di saltare nel corso di una conversazione o fai una passeggiata per andare a una riunione invece di precipitarti. Termina un lavoro prima di passare al successivo. Diverse volte al giorno fai un lungo e lento respiro.
  • Togli il piede dall'acceleratore. Una volta in autostrada, mia moglie mormorò:”Cos’è tutta questa fretta?” Mi fece comprendere che rallentare di qualche chilometro avrebbe significato arrivare solo pochi minuti dopo, ma essere molto più rilassati durante il tragitto.
  • Quando suona il telefono, immagina che sia la campana di una chiesa di un tempio che ti ricorda di respirare di rallentare.
  • Resisti alla pressione, proveniente dagli altri, di fare le cose prima di quanto tu abbia veramente bisogno. Come dice il proverbio “l'altrui incapacità di programmare non deve diventare la mia emergenza”.
  • Trova ciò che è buono, riguarda un preciso momento, così com'è, e avrai meno bisogno di sfrecciare verso la cosa successiva. Ad esempio, se sei bloccato da una telefonata, guardati intorno per notare qualcosa di bello e di interessante, oppure goditi il senso di pace che provi semplicemente respirando.
Con il tempo, porta a termine gli impegni presi e nel frattempo fai attenzione a non assumerne e di nuovi. Nota e sfida ogni pressione interna che ti spinge continuamente a fare e a prendere sempre nuovi impegni. Quale effetto produce il tuo modo di vivere sulla qualità della tua esistenza: correre all'impazzata ti rende più felice? Oppure più stressato è stanco?
Nel frattempo, immergiti nell'agio e nel benessere che deriva dal rallentare, e non ti sorprendere se le persone ti dicono che sembri più fiducioso, riposato, maggiormente presente a te stesso e più felice.
E’ la tua vita e di nessun altro. Rallenta e goditela!

giovedì 14 febbraio 2019
Volutamente dedico questo post a tutte le anime "rattoppate", illuse, disilluse, a chi in coppia o solo o, peggio, solo in coppia, si sente un cerotto sul cuore.
Tanto gli innamorati saranno già festeggiati, allora questo angolino è per chi non riceverà sorprese, grandi o piccole, non andrà a cena fuori e quindi carissime lettrici e forse qualche lettore, se vi sentite in sintonia con questo mio post, stasera facciamo una cosa tutta nostra, una sorta di flash mob virtuale e "casalingo", alle ore venti versiamo un bicchiere di vino, di acqua, di quello che desiderate, innalziamolo e brindiamo a noi pensandoci reciprocamente!


ELENCO RICETTE

ELENCO RICETTE
clicca sul micio!

Cerca nel blog

Archivio blog

Ci siamo anche noi!

Tutti Uniti!

Tutti Uniti!

Siamo

Siamo