CONTATORE

Sommario

In francese

l'MTC

l'MTC
dal 13 al 28 del mese

The Recipe-tionist

The Recipe-tionist
Dal 5 al 25

Lettori fissi

I NOSTRI VIDEO ....

PER VEDERE I NOSTRI VIDEO (TROPPO DIVERTENTI!) ANDATE IN ALTO ALLA DESTRA DELLA SCRITTA HOME PAGE

Magali

Magali
lunedì 13 aprile 2015
Questa volta ci sono e lo dico veramente con la massima sincerità, solo e unicamente per essere presente.
Dovete sapere che oltre a vivere con una gatta parlante divido la mia esistenza con elettrodomestici che hanno la medesima caratteristica, quindi non posso assolutamente parlar male del mio forno, perchè mi ha comunicato che come pena ci sarà l'abbandono immediato e definitivo da parte sua, ma posso almeno descriverlo. A febbraio ha compiuto 28 anni, è a gas, cuoce solo dal basso, la funzione grill non sa neanche cosa significhi, ho cercato di spiegarlo, ma lui da quell’orecchio non ci sente. Avrei dovuto mandarlo in pensione proprio quest’anno, ma poi si sono verificati una serie di imprevisti e non è stato possibile, perché la sua sostituzione darebbe il via ad una serie di cambiamenti a “catena” e questo, sia per l’oneroso carico di lavoro e l’assoluta mancanza di tempo, anche stavolta passa in cavalleria.
Comunque nonostante ciò Magali ed io ci siamo cimentate con l’appuntamento mensile con l'MTC
Questa volta la ricetta è stata scelta dalla bravissima Caris (questo aggettivo è limitativo!) di cui abbiamo seguito le esaustive istruzioni optando per il pan di spagna montato a caldo, dimezzando solo le dosi. 
Siamo perfettamente consce che voi tutte preparate creazioni stupende e vi preghiamo, come d'abitudine di essere clementi e di apprezzare la nostra tenacia! Non possiamo negare a noi stesse che una caratteristica che ci contraddistingue è l'immane coraggio e devo aggiungere per quanto mi riguarda anche "faccia tosta" a ripresentarci ogni mese qui all'MTC! Ora vi spieghiamo il titolo della ricetta: Magali ed io diamo praticamente il nome proprio a tantissime cose: lievito madre, stampante ecc. e quando siamo indecise si guarda il santo del giorno, per questo il nome del santo di domenica 12 aprile, giorno della creazione di questa nostro lavoro, è S. Divina Misericordia, proprio quella che ci auguriamo abbiate nei nostri confronti!
Ora Magali è veramente esausta e si riposa dopo l'immane fatica!
Siamo partite dal presupposto di voler per i suddetti motivi creare un dolce semplice, unendo armonicamente pochi "sapori" per far entrare un raggio di sole a casa nostra!
Dicevamo Magali è stanchissima, perchè ha voluto apporre personalmente la sua iniziale sul Pan di Spagna.
Pan di Spagna della Misericordia
Ingredienti:
Per il Pan di Spagna a caldo (di Iginio Massari):
uova 250 g di uova
zucchero 175 g di zucchero
semi di un baccello di vaniglia
farina bianca 00 (w 150-170) 125 g
fecola 50 g

Per la bagna:
100 ml di tè verde al mandarino e gelsomino
100 g di zucchero
50 ml di rum

Per la farcia:
un ananas
2 cucchiai di fruttosio (se l’ananas è già dolce potete non metterlo)

Per l’iniziale in pasta di zucchero:
200 g zucchero a velo
25 g di miele
3 g di gelatina in fogli
15 ml di acqua
colorante nero

Per finire:
panna fresca

Preparazione:
per il Pan di Spagna: scaldate le uova, lo zucchero e i semi di vaniglia mescolando in continuazione fino a 50°C; montate in planetaria per 15-16 minuti in 3° velocità.
Setacciate due volte la farina con la fecola e incorporare delicatamente con la marisa. Mettete il composto in teglie alte 4-4,5 cm e cuocere a 180° per 22 minuti tenendo un cucchiaio di legno fra il bordo (se usate teglie con spessori più alti, il tempo aumenta e la temperatura passa a 170°).
Per la farcia: sbucciate bene l’ananas e tagliatene alcune fette che terrete da parte per decorare il bordo.
Private la restante parte, del centro nodoso e tagliate a pezzetti. Mettetelo in una casseruola con due cucchiai di fruttosio e fate cuocere a fuoco lento finchè la polpa non sia ben cotta. Passate al mixer.
Per lo sciroppo: fate bollire acqua e zucchero fino a ridurli di un terzo, mescolate bene e spegnete il fuoco.
Aggiungete il liquore dopo che lo sciroppo si è raffreddato per ottenere una nota più alcolica.
Per l’iniziale: mettete la gelatina a pezzetti in ammollo nell’acqua. Mettete sul fuoco per pochissimi istanti il miele con l’acqua e la gelatina, amalgamate e fate sciogliere bene il tutto. Fate raffreddare e mescolate bene con lo zucchero a velo aiutandovi con le mani fino ad ottenere una massa omogenea, aggiungete alcune gocce di colorante nero. Stendete con l’aiuto di un matterello spolverizzando sempre di zucchero a velo. Ritagliate la sagoma che vi interessa con l’aiuto di un cutter. Con queste dosi ho avanzato molta pasta di zucchero.
Per finire: montate la panna fresca. Tagliate le fette di ananas della misura giusta per coprire il bordo della torta.
Una volta raffreddato tagliate il Pan di Spagna a metà, bagnatelo con lo sciroppo, farcite con la composta di ananas, rimettete sopra la metà. Ricoprite con la panna e decorate il bordo con le fette d’ananas. Posizionate la M di Magali.
E come dice Magali “leccatevi i baffi!”
domenica 12 aprile 2015

Desidero segnalare ai torinesi questo spettacolo teatrale: sono una compagnia formata da cantanti, ballerini, tecnici, insomma una grande squadra.
Si rivivono i mitici anni sessanta attraverso canzoni italiane e straniere, ma la peculiarità di questo affiatato gruppo è l'entusiasmo, la passione, il talento che traspare durante l'intero spettacolo.
Tutto è perfetto: l'impostazione, il ritmo incalzante, la voce fuori campo, le luci, il ballo, il canto ...
La cantante è una mia cara amica, Stefania Evangelista: una voce unica, toccante, che riesce a far vibrare le corde più profonde dell'anima, capace di far accapponare la pelle e far vivere un'emozione allo stato puro difficile da provare al giorno d'oggi. Possiede anche la grande dote della versatilità conciliando la sua voce con il sound che interpreta, alterna la sua grinta alla dolcezza riuscendo in tutte le sue interpretazioni a regalare magia e se andrete su youtube potrete avere conferma di ciò che ho scritto.
Non posso altro che spronare chi abita a Torino e dintorni ad andare al teatro Marchesa per dar fiducia a questi ragazzi, con la vostra presenza dimostrerete che vale la pena alimentare la determinazione nell'inseguire i propri sogni e, quindi, se volete vivere delle emozioni vibranti e travolgenti vi consiglio vivamente di non perdere quest'occasione, vi restano ancora due giovedì! Per qualsiasi informazione potete genitlmente cliccare qui
Ed ora andiamo in cucina con questo primo la cui ricetta ho visto alla televisione: stuzzicante e invitante


Pasta con pomodorini e ceci
Ingredienti per 4 persone:
280 g di penne
200 g di ceci (io ho usato quelli in scatola)
15 pomodorini secchi sott’olio
150 g di feta
Olio d’oliva
1 porro

Preparazione:
fate soffriggere il porro pulito e tagliato a rondelle nell’olio, uniamo i pomodorini ben asciugati del loro olio e tagliati a pezzetti. Facciamo insaporire per qualche minuto.
Risciacquiamo bene i ceci sotto acqua corrente e scoliamo bene, asciughiamoli sommariamente. Uniamoli al porro e ai pomodorini, mescoliamo bene.
Fate cuocere la pasta in acqua abbondante salata e farla saltare in padella con il sugo, amalgamate bene il tutto. Servite e spolverizzare con la feta sminuzzata.
E come dice Magali “leccatevi i baffi!”

domenica 5 aprile 2015
Siamo reduci da una settimana di lavoro a Parigi, ma soprattutto una settimana di freddo, vento ghiacciato e pioggia ... Siamo partiti in furgone mio marito, un suo collaboratore, Magali, Matilde (il lievito madre) e la scaramantica frittata di spaghetti. Magali si è comportata da vera lady anche in questa circostanza.
Qui di seguito ci sono alcune foto dello stand che bisognava montare, tanto per mostrarvi un po' del nostro mondo.
Non abbiamo avuto molto il tempo di girare, ma siamo riuscite a fotografare una vetrina pasquale
Vogliamo augurare a voi tutti un giorno di Pasqua sereno, noi non abbiamo preparato nessuna ricetta pasquale pur avendone molte da sperimentare,  perchè siamo stanche e quindi festeggeremo semplicemente con la resurrezione e la rinascita nel cuore, perchè questo è ciò che conta!
Se avete piacere di trascorrere due ore piacevoli vi consigliamo questo film
 Si parla della vita di una famiglia composta da quatro persone, in cui solo la figlia Paula sente e parla e scopre casualmente di avere il dono del canto, Gli altri componenti della famiglia non udendo i suoni vivono, senza rendersente conto, facendo fracasso e appoggiandosi per tutte le incombenze dall'accompagnare i genitori dal medico, gestire i rapporti con la banca, vendere al mercato i formaggi ... a tutto questo si sommano le inquietudini della sua età adolescenziale. Paula infine parteciperà ad un concorso canoro e ...
Un film come solo i francesi sanno fare in cui la semplicità della storia crea un capolavoro in cui la famiglia è la protagonista, in cui si evince che attraverso le difficoltà si cresce, si matura e alla fine si sboccia. NOn è assolutamente nè mieloso nè melenso, ma un intreccio di sentimenti ben espressi, a tratti comici, che fa bene al cuore e ti riconcilia con l'esistenza.
domenica 29 marzo 2015
Non so ancora dove sarò quando questo post sarà pubblicato, dovrei partire, ma non sto benissimo, sapete quando vi sentite come un sacco vuoto ed è proprio così che mi sento.
A volte mi sembra di essere uno spiritello che come diceva mia nonna "esce dal fuoco" e a volte tutto l'opposto, non sono mai una linea piatta ...
Cambiando argomento se partirò, cercate di immaginare la scena, sarò sul furgone con mio marito, Cristian, un suo collaboratore, Magali e ovviamente il lievito madre, l'immancabile frittata di spaghetti, ormai presenza scaramantica da quella volta che rimanemmo bloccati incolonnati in autostrada per oltre tre ore e benedicemmo di avere con noi l'ormai famosa frittata, ricapitolando ci manca solo la pianta di basilico che non ho ancora piantato ... decisamente una strana combriccola. Praticamente bagaglio di vestiario ridotto al minimo (solo intimo, una  maglietta di ricambio), vero Elenuccia, sì dico proprio a te, saresti orgogliosa di me! Ovviamente kindle e pc al seguito, sì care gialliste dico proprio a voi non vi sbarazzerete di me! E tanto per continuare con i messaggi ora mi rivolgo a Tina che poco tempo fa pubblico su FB i danni dell'olio di palma, carissima hai creato un mostro, cioè io: ora leggo tutte le etichette ed è veramente dapertutto altro che il prezzemolo! Ti ringrazio, ma mi hai rovinato la vita ... mi sento colpevole quando mangio al mattino le fette biscottate, ne ho trovate in commercio senza 'sto olio fetente, ma sono durissime c'è da perdere i denti e il mio dentista non sarebbe contento, perchè sono una paziente dai denti sensibilissimi e quindi le cure diventano lunghe, questa ve la devo raccontare l'ultima volta sono andata all'improvviso senza appuntamento, perchè avevo male e gentilmente la mia amica Laura mi ha fatto passare, per farla breve suo marito il Dottore  mi ha fatto accomodare sulla poltrona e mi ha fatto l'anestesia locale al dentone incriminato e mentre attendevo che facesse effetto mi sono addormentata ... l'ambiente è così accogliente che mi rilasso! Ringranzio entrambi per la pazienza!
Comunque torniamo all'argomento culinario, visto che amo far colazione a casa, la mia abituale è fette biscottate con composta di frutta e, ovviamente, tè Earl Grey. Sono veramente fissata con il tè al punto tale da portarne sempre una bustina di scorta nel portafoglio, se quando vado al bar non dovessero avere il mio preferito. Chi beve tè sa che iniziare la giornata con un aroma differente è come mettersi le scarpe strette o non lavarsi i denti ...
Per farla breve ho deciso di provare a fare le fette biscottate in casa utilizzando Matilde, il mio amato lievito madre, che porto sempre con me nei miei viaggi!
E dove andare a cercare la ricetta se non nel blog della mia amica Loredana? Non la conosco personalmente (ci siamo sfiorate a Parigi, ma non ce l'abbiamo fatta ad incontrarci), ma per me è un punto di riferimento! Ho seguito passo, passo la ricetta da lei pubblicata ed ecco il risultato, tenete sempre presente che noi abbiamo un forno a gas che ha appena compiuto 28 anni!

Fette biscottate di Loredana
Dose per uno stampo da plumcake da 1lt
Ingredienti:
100 gr + 50 gr farina manitoba
125 gr farina integrale
100 gr lievito madre attivo
50 ml acqua
50 ml latte
50 ml olio di semi
50 gr zucchero di canna
un cucchiaino di malto d'orzo
sale q. b.

Preparazione:
sciogliere il lievito con il latte, un cucchiaino di zucchero (tolto dal totale) e 50 gr di farina.
Lasciar riposare per 30'.
Unire il resto degli ingredienti e impastare fino ad avere un composto omogeneo.
Dare la forma e posizionare nello stampo precedentemente unto con dell'olio e cosparso con un pò di farina o foderato con carta forno, oppure utilizzate direttamente uno stampo in silicone.
Lasciar lievitare per circa 8 ore ( per me la lievitazione è stata più rapida, forse per merito del lievito rinfrescato la sera prima e del forno tiepido), comunque l'impasto deve superare il bordo dello stampo, triplicando il proprio volume.
Volendo spennellare con latte a temperatura ambiente ( io non l'ho fatto).
Cuocere in forno caldo a 180° per 30'.
Far raffreddare una notte, il giorno dopo tagliare a fette alte mezzo centimetro, utilizzando un coltello a lama liscia e ben affilato.
Far tostare in forno caldo a 120° fino a che non risulteranno perfettamente croccanti.
E come dice Magali “leccatevi i baffi!”
domenica 22 marzo 2015
Molti di voi, forse, in questo periodo si sentiranno un po' come noi, sommersi da tante cose da fare, ma al contempo sommersi in una nuvola di "confusione" ... Per spiegare e, sicuramente vi annoiereste, ci vorrebbe troppo tempo, anche perchè ci sarebbe tutta una vita da raccontare, troppo diversa da quella di molti e non di facile esternazione. Ma passiamo a cose più pratiche: qui da noi diluvia, ma vogliamo augurare a voi tutti un periodo di rinascita all'insegna del nuovo, di tanti progetti da realizzare, brevemente e nel vero senso della parola una
Buona Primavera!

Ed ora passiamo in cucina: avevamo un "fondo" di marmellata di marroni che languiva ed allora abbiamo deciso di fare questo dolcetto, rivelatosi ottimo, con queste dosi vengono due porzioni abbondanti o tre più piccole. Se desiderate una consistenza tipo budino, come la nostra, utilizzate l’agar agar, se preferite ottenere una crema dessert, quindi più morbida, non utilizzatelo. Io ho utilizzato una crema di marroni con dei pezzi, una squisitezza!
Budino marroni e cioccolato
Ingredienti per 3 persone:
50 g di cioccolato (io ho utilizzato un cioccolato oltre 70% di cacao della Leone)
200 g di tofu cremoso
2 cucchiai di polvere di mandorle
3 cucchiai di crema di marroni
1 cucchiaino di agar agar
Facoltativo per guarnire:
io ho utilizzato sia sul fondo che sopra ogni coppetta dei biscotti alle noci e mandorle tritati .

Preparazione:
fate fondere a bagnomaria il cioccolato e aggiungete la polvere di mandorle. Mescolate bene per ottenere un composto omogeneo. Aggiungete il tofu e la crema di marroni (io ho utilizzato il mixer a immersione per donare cremosità) e amalgamate bene. Sciogliete l’agar agar in un pochino di acqua, aggiungete al composto e amalgamate bene.
Ripartite il composto in 3 coppette e mettete in frigorifero almeno 4 ore prima di servire.
E come dice Magali “leccatevi i baffi!”

venerdì 13 marzo 2015
Questa volta arriviamo un po’, come si suol dire, con “la lingua a penzoloni”, gli ultimi quindici giorni sono stati parecchio intensi, ma non potevamo mancare al consueto appuntamento con l’MTC
Questo mese la proposta arriva da Flavia, che per noi è l’emblema del buonumore, del desiderio di vivere, sperimentare e sicuramente l’allegria regna a casa sua! La ricetta è la pasta brisé e noi abbiamo seguito le sue esaustive indicazioni.
Mentre preparavamo la nostra versione ci siamo chieste il perché della nostra mensile partecipazione, lo riconosciamo noi non siamo precise, siamo pasticcione e siamo presenti per far sì che tutti gli altri componenti possano eccellere, ebbene sì noi siamo l’ultima ruota del carro, la ciofeca dell’MTC, ma siamo sempre contente di esserci, perché questo significa che ci siamo messe alla prova, abbiamo imparato cose nuove, messo in moto i neuroni per preparare qualcosa di diverso.
La nostra proposta nasce da una rivisitazione della brandade de morue, un piatto molto diffuso nel sud della Francia a base di baccalà e patate, ma credo di origine portoghese, volutamente abbiamo sostituito l’aglio con la cipolla per non rendere troppo pesante il tutto. Ormai a tutti noi sono note le origini francesi di Magali (qui potete leggere la sua storia) che, ovviamente, è stata l’ispiratrice, lasciando, volutamente, il tuo tocco.
Quiche à la brandade di Magali
Per la pasta brisée:
250 g di farina
150 g di burro, tagliato a pezzettini e leggermente ammorbidito
1 cucchiaino di sale
Un pizzico di zucchero
1 uovo
1 cucchiaio di latte freddo
Per la farcia:
250 g di baccalà
300 g di patate
½ l di latte
1 cipolla bianca
alloro
timo
50 g di gruyère grattugiato
prezzemolo
2 zucchine
2 uova
50 ml di panna
pepe

Preparazione:
nei due giorni antecedenti la preparazione della torta mettete il baccalà salato a pezzi, con la pelle rivolta verso l’alto, in un’insalatiera e coprite con acqua, cambiatela frequentemente.
per la pasta: versate la farina a fontana sul piano di lavoro. Mettete al centro il burro, il sale, lo zucchero e l’uovo, poi mescolateli e lavorateli con la punta delle dita.
Incorporate piano piano la farina, lavorando delicatamente l’impasto finché assume una consistenza grumosa.
Aggiungete il latte e incorporatelo delicatamente con la punta delle dita finché l’impasto comincia a stare insieme.
Spingete lontano da voi l’impasto con il palmo della mano, lavorando di polso, per 4 o 5 volte, finché è liscio. Formate una palla, avvolgetela nella pellicola e mettetela in frigo fino all’uso.
Stendete la pasta di 2-3 mm di spessore. Rivestite una tortiera e mettete il frigorifero per 20 minuti.
Scaldate il forno a 190°C. Bucherellate il fondo del guscio di pasta e cuocetelo in bianco, per 15 minuti. Abbassate la temperatura a 170°C, togliete i pesi e la carta e rimettete in forno per 5-10 minuti. Lasciate da parte mentre preparate il ripieno.
Pulite il prezzemolo e la cipolla, tritateli finemente e mettete da parte.
Prendete i pezzi di baccalà e fateli cuocere nel latte insieme all’allora e al timo per venti minuti circa. Una volta cotto, fate raffreddare, scolatelo, togliete la pelle e riducetelo in pezzetti con l’aiuto di una forchetta e togliete bene tutte le spine.
Pelate le patate, tagliatele a pezzi e fatele cuocere in acqua. Non ho aggiunto sale visto che saranno mescolate al baccalà. Una volta cotte, scolatele e schiacciatele con la forchetta.
Unite il baccalà con le patate, mescolate bene e aggiungete un cucchiaio di latte di cottura e il prezzemolo e la cipolla, mescolate bene il composto.
In un’altra terrina mettete le uova e la panna, mescolate bene, aggiungete il pepe e il formaggio e mescolate al composto di patate e baccalà.
Pulite le zucchine e affettatele finemente con la mandolina, mettetele in una terrina, conditele con olio e pepe, mescolate bene.
Mettete il composto nel guscio di pasta brisée e poi mettete le zucchine.
Infornate per circa 15 minuti. Cinque minuti prima della fine cottura spolverizzate con un pochino di formaggio.
E come dice Magali “leccatevi i baffi!”
domenica 8 marzo 2015
Eccoci qui, questa domenica un po' di corsa, ecco qui la foto di un elemento commestibile acquistato a Parigi ... io l'ho comprato basandomi sulla fiducia, non mi ha entusiasmato. Non l'avevo mai visto qui in Italia, io vi domando: "Che sarà?". La prossima domenica la risposta!
Ed ora la locandina di un film che le persone della mia età ricorderanno ...
E voi sapete che, soprattutto, a Parigi mi piace andare a zonzo e scoprire cose nuove ed è proprio nel supermercato di alimenti asiatici che ho notato il tamarindo, ovviamente mi ha subito incuriosito e l’ho comprato senza neanche sapere che farne. Ho subito chiesto alla cassiera come si poteva utilizzare, ma lei mi ha risposto che non l’aveva mai assaggiato … tornata a casa ho letto che un ingrediente basilare della salsa Worcester, ma i frutti maturi possono essere utilizzati anche per dolci e sciroppi.
Ho voluto subito provarlo in una ricetta salata, il cui gusto era veramente un giusto equilibrio tra dolce e salato. Ecco qui la foto del tamarind ...
  
Ed ecco la ricetta ...



Patate agrodolci caramellate al tamarindo
Ingredienti per 4 persone:
1 kg di patate
2 spicchi d’aglio
1 scalogno
Peperoncino in polvere
Olio di oliva
sale
Per la salsa:
2 cucchiaini di tamarindo liquido
2 cucchiai di zucchero di canna
2 cucchiai di miele io ho usato millefiori
3 cucchiai di salsa di soia

Preparazione:
spazzolare bene le patate sotto l’acqua fredda, poi tagliarle, nel senso della lunghezza, a metà, e poi in quattro (da una patata 8 spicchi).
Sciacquate ed asciugate bene con uno strofinaccio.
Mettetele in un’insalatiera aggiungete 2 cucchiai di olio, un pizzico di sale e mescolate.
Per la salsa: per quanto riguarda il tamarindo io ho trovato i frutti privati della pelle, ma non dei noccioli, risultano abbastanza legnosi un po’ come i datteri. Ho messo due cucchiaini di questa purea in due cucchiai di acqua calda ho mescolato bene, cercato di amalgamare il più possibile, ho passato al colino e ne ho ricavo due cucchiaini.
In una scodella mettete gli ingredienti della salsa: il tamarindo, lo zucchero, il miele e la salsa di soia, mescolate bene, l’insieme deve avere un sapore equilibrato agrodolce.
Pelate lo scalogno e affettatelo con la mandolina. Pelate gli spicchi d’aglio,
Fate cuocere le patate in forno preriscaldato a 200° per circa 30 minuti, ricordandovi di girarle a metà cottura.
Poco prima della fine della cottura delle patate, fate scaldare due cucchiai di olio di oliva in una padella aggiungete lo scalogno e fate dorare. Aggiungete l’aglio, il peperoncino, dopo due minuti aggiungete la salsa e le patate e fate cuocere a fuoco medio per circa 2 minuti, praticamente finchè tutto il liquido non sia stato assorbito e alla fine risultano avvolte da un morbido caramello agrodolce.
Servite subito.
E come dice Magali “leccatevi i baffi!”.

ELENCO RICETTE

ELENCO RICETTE
clicca sul micio!

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

Ci siamo anche noi!

Siamo

Siamo