I NOSTRI VIDEO ....

PER VEDERE I NOSTRI VIDEO (TROPPO DIVERTENTI!) ANDATE IN ALTO ALLA DESTRA DELLA SCRITTA HOME PAGE

Lettori fissi

Magali

Magali
martedì 24 aprile 2018
Questo film Red Sparrow
è tratto da un romanzo di spionaggio scritto da jason Matthews, ex agente della CIA, e diretto dal regista di ben tre Hunger Games, Francis Lawrence, è magnetico, tiene lo spettatore, come si suol dire, attaccato alla poltrona, ricco di colpi di scena, ma per me troppo sconvolgente e violento, sia per la tematica che per alcune scene, in cui, lo confesso, mi sono turata le orecchie e chiuso gli occhi. E’ un film d’azione, ricco di colpi di scena, ma lo consiglio solo a chi non si sconvolge!
La protagonista è Dominika, prima ballerina del Bolshoi, che in seguito ad un brutto incidente non può più ballare. Vive con la madre, ammalata e bisognosa di cure costanti, ma con l’incidente le cose mutano e lei non ha più diritto ai “privilegi” di cui usufruiva quando era la prima stella del Bolshoi. Per poter continuare a vivere nello stesso appartamento ed assicurare alla madre le cure necessarie deve sottostare al ricatto impostole dallo zio Vanja, vicedirettore del servizio segreto russo, che le propone di diventare una Sparrow: un’agente segreta pronta a tutto, praticamente un’arma letale di seduzione. Dominika è costretta ad accettare e deve seguire un’apposita scuola, sostenendo prove aberranti, e alla fine diventa Red Sparrow, ma dentro di sé disprezza il suo operato e, nell’ombra, alimenta la sua ribellione, il suo disprezzo e mette a punto il suo piano di vendetta.

lunedì 23 aprile 2018
Rivedendo queste foto che ho scattato a Magali a Parigi, ho riflettuto sul fatto che, a volte, mi piacerebbe essere come lei in questo momento. Partecipe di un momento, ma da entrambi i lati, riuscire a guardare la situazione da due punti di vista differente, essere in grado di estraniarmi e di vedere chiaramente! Nella seconda foto guardate in basso a sinistra! 😉


domenica 22 aprile 2018
A volte basta uscire, guardarsi intorno e scorgere qualcosa di particolare!
A Parigi anche le statue hanno diritto a respirare pulito, soprattutto oggi che è la giornata della salvezza della terra, ma questo ve lo ha già ricordato il signor Google 😉


sabato 21 aprile 2018
Le settimane volano! Pensavamo che scrivendo tutti i giorni qui il tempo, essendo caratterizzato quotidianamente, scorresse più lentamente! Oggi c'è il nostro consueto appuntamento in cucina (finchè non verrà il giorno in cui ci metteremo un po' a dieta), abbiamo preso spunto dal blog della nostra amica Elena, che voi conoscete come SuperElena😉
Sono veramente buonissimi e di "stagione" quindi  affrettatevi per gustarli!
Tagliatelle agli agretti e pomodorini sott'olio
Ingredienti per due persone:
125 g di tagliatelle all’uovo (3 matassine)
300 g di agretti
1 scalogno
5 pomodorini secchi sott’olio (10 metà)
20 g di pinoli
parmigiano reggiano grattugiato fresco q.b.
olio extra vergine d’oliva
sale

Preparazione:
pulite gli agretti, lavateli e asciugateli.
Pelate lo scalogno e affettatelo sottilmente. Fatelo soffriggere in una padella con dell’olio, aggiungere gli agretti e un pizzico di sale. Fate cuocere una decina di minuti. Prendete un terzo degli agretti e passatelo al mixer aggiungendo i pinoli e il parmigiano grattugiato. Tenete da parte.
Aggiungete agli agretti i pomodorini sott’olio ben asciugati, tagliati a pezzettini.
Far cuocere le tagliatelle al dente in acqua bollente salata. Scolarle e farle saltare in padella con gli agretti e il pomodoro, aggiungendo “il pesto “ di agretti.
Servite, mettendo sulle tagliatelle un po' di agretti e pomodorini e spolverizzate con il parmigiano.
E come dice Magali “leccatevi i baffi!”
venerdì 20 aprile 2018
In occasione della giornata della Terra
In moltissime sale cinematografiche il 22, 23 e 24 aprile, sarà proiettato: “Earth - Un giorno straordinario”. 
Il frutto di ben cinque anni di riprese, firmato BBC, che narra uno straordinario viaggio nella natura tra cielo e terra, oceani e ghiacciai, alla scoperta degli animali immersi nel loro habitat. La voce narrante è di Diego Abatantuono.
E' veramente meraviglioso, se desiderate vedere il trailer cliccate QUI
giovedì 19 aprile 2018
Il post di oggi doveva essere un altro, poi ho letto questa notizia (su La Stampa) e ho deciso di condividerla con voi. Molti pensano che i gatti non si affezionino ai loro padroni, che la fedeltà sia una caratteristica prettamente canina. Questa vicenda vi farà ricredere su questo. E' accaduto in America. (le seguenti immagini sono tratte da internet)
Questo bel micione è Toby, che ha percorso 20 chilometri per ritrovare i suoi padroni.
Eccolo com'era quando è arrivato, solo che ad aspettarlo non ha trovato una famiglia amorevole, ma persone che dopo averlo tenuto sette anni non ne volevano più sapere di lui e l'hanno portato in un centro per farlo sopprimere. Il personale del centro si è rifiutato e lo ha mandato in un centro di accoglienza, dove hanno pubblicato un annuncio e in molti hanno risposto a questa richiesta.
 E Toby, pur essendo Fiv+, ha trovato una nuova famiglia capace di donargli tutto l'amore che merita.
Se avete piacere di leggere l'articolo lo CLICCATE QUI
 
mercoledì 18 aprile 2018
Avevo proprio bisogno di leggerezza e l'ho trovata leggendo questo libro
La lettrice che partì inseguendo il lieto fine, è stato proprio il titolo di questo libro a catapultarmi nella sua lettura.
Sara, ventottenne, vive in Svezia, non ha mai viaggiato, non ha amici, i suoi compagni di vita sono il libri che, letteralmente, divora. Un giorno riceve una lettera che accompagna un libro da lei richiesto in un sito web. Il mittente è Amy un’anziana signora americana che vive in un paesino dell’Iowa. Inizia, così, una corrispondenza epistolare densa di consigli letterari, “spicchi” di vita e tutto ciò sancisce la nascita di un’amicizia. Sara comprende che leggere non deve significare isolarsi dal mondo, ma deve essere uno strumento di scambio e condivisione.
Dopo essersi scambiate, per due anni, emozioni e impressioni, ricordi e progetti, Sara decide di attraversare l’Oceano e andare a trovare l’anziana amica lontana.
Il libro inizia proprio con il viaggio di Sara e la lunga corrispondenza è inframmezzata nel corso del libro con le situazioni che vivrà a Broken Wheel. Ad attenderla non ci sarà Amy, mancata prima del previsto, ma un’eccentrica e, inizialmente, scontrosa comunità che, nel corso del libro, si rivelerà generosa, altruista e riuscirà a far sentire Sara facente parte pregnante della comunità e, finalmente, assoluta protagonista della propria vita.
Un libro che si deve leggere nell’ottica della fiaba e, ovviamente come in tutte le favole, è compreso il lieto fine.

ELENCO RICETTE

ELENCO RICETTE
clicca sul micio!

Cerca nel blog

Archivio blog

Ci siamo anche noi!

Tutti Uniti!

Tutti Uniti!

Siamo

Siamo