I NOSTRI VIDEO ....

PER VEDERE I NOSTRI VIDEO (TROPPO DIVERTENTI!) ANDATE IN ALTO ALLA DESTRA DELLA SCRITTA HOME PAGE

Lettori fissi

Magali

Magali
mercoledì 26 giugno 2019
L'anno scorso avevo avuto il piacere di andare alla Chrysalide ad Arles, una struttura molto ben organizzata che accoglie persone diversamente abili (QUI IL POST) e quest'anno sono nuovamente stata invitata al pranzo di fine anno, la festa era a tema spagnolo.
Il piatto principale era, ovviamente, la paella, ovviamente essendo gli ospiti numerosi era gigante!
La  musica quest'anno era registrata e non dal vivo, ma i ragazzi e i parenti si sono divertiti ugualmente, perchè lo spirito e l'entusiasmo erano protagonisti.
martedì 25 giugno 2019
Oggi, per voi ieri, ho lavorato dal mattino prestissimoo fino a pomeriggio inoltrato, non mi sono mai fermata e ho fatto una colazione/pranzoira praticamente dopo le 16😱, mentre mangiavo mi sono resa conto di essere iperattiva, quindi vi chiedo scusa, ma il post di oggi è scarno ... ho tante cose da raccontarvi, mostrarvi e vi prometto che da domani mi rimetto in pari! I'm sorry! Buona giornata a voi!

lunedì 24 giugno 2019
Se avete la forza di leggere tutto, alla fine, capirete che questo post ha un suo perchè.
Per fortuna o per sfortuna ho ereditato da mio padre, la determinazione, quel lato un po' crucco, che mi porto appresso che unito al diavoletto napoletano, lasciato in eredità da mia madre, crea grande scompiglio😆 Se avessi ascoltato 😈 il post di oggi non ci sarebbe, perchè sono le 22,30 e sono sveglia dalle 4,15 e invece eccomi qui ... a raccontarvi com'è andata.
Ho avuto una giornata super intensa: stamattina, mi sono svegliata con un gran ma di testa e così mi sono alzata e mi sono fatta un bel caffè forte, poi mi sono rimessa nel letto e dopo poco mi sono rialzata, lavata, vestita ed uscita a scattare fotografie. Le ho appena riguardate e onestamente non so come abbia fatto, ma ce ne sono alcune, per me, stupende. Le vedrete prossimamente, perchè non ho la forza, stasera di caricarle. 
Dopo di che sono ritornata a casa, ho accudito le Ladies pelose (Magali e The Queen) e sono andata in piscina, perchè avevo la schiena a pezzi. Poi pulito il giardinetto e, visto che mi sentivo stramazzare ho fatto un'abbondante colazione. Poi praticamente erano le dieci e ho cominciato una delle mie helgate, già all'inizio ho capito che stavo compiendo una caxxata, ma ormai era troppo tardi, ho terminato alle 16 passate (prossimamente vi racconto in dettaglio). Dopo ho mangiato qualcosa. Praticamente stando in piedi tutto quel tempo ho vanificato la salubre nuotata mattutina (per la serie Koglioni si nasce e io lo nacqui). Poi dopo poco sono uscita per andare da Vampy la micina bianca e nera che sta in un giardino in centro paese, a cui ogni mattina Vivienne, una signora di cui sono diventata amica, le dà da mangiare.
Uscendo dal giardino per tornare a casa sono passata nella strada in cui abita Vivienne e nel mentre arrivava un'autoambulanza, si è fermata proprio davanti casa sua, mi è venuto un tuffo al cuore perchè solo due mesi fa ha subito un intervento d'urgenza al cuore, ho atteso e ho visto un signore, che avevo visto in compagnia della figlia due giorni fa, mi sono fatta coraggio e gli ho chiesto notizie, lui mi ha detto che era caduta, ma nulla di grave. Io sono stata aì fuori in attesa, finchè lei è uscita sulla sedia a rotelle per andare in ospedale. Mi sono fatta vedere e lei subito mi ha riconosciuto e mi ha detto della micina bianco e nera e io l'ho rassicurata dicendole che ci avrei pensato io. 
Spero che per lei tutto vada nel migliore dei modi, che non si sia rotta nulla e che la causa della sua caduta sia stata solo disattenzione.
E se non avessi visto la figlia in compagnia di quel signore, non l'avrei riconosciuto
E se avessi fatto un'altra strada per tornare a casa non avrei saputo di quanto accaduto
E se fossi passata poco prima o poco dopo non avrei visto i paramedici entrare proprio da lei
E se non avessi aspettato non avrei potuto rassicurarla
E tutto questo mi fa assolutamente riflettere che nella vita non dobbiamo rincorrere nulla, nè affannarci, l'esistenza va come deve andare, noi abbiamo spesso la presunzione di poter sempre manovrare i fili, ma, invece, dobbiamo solo lasciarci guidare dal nostro istinto e da qualcuno molto più in alto di noi capace di creare una perfetta sincronia.


domenica 23 giugno 2019
Sono di parte: gattofila da una vita, ma questo gonfiabile lo trovo stupendo!
Buona domenica a voi tutti!

sabato 22 giugno 2019
Da sempre sono convinta come dice il buon Guccini che "da ancora più tristezza mangiar male" e quindi io seguo il suo consiglio ed anche quando sono sola sperimento e seguo le mie "voglie". Dovete sapere che io amo 😋 i friarielli, i peperoncini verdi, ma mio marito non li ama particolarmente e, così, pochi giorni fa visto che ero sola ne ho approfittato😅
Non so come mai nel pomeriggio ho messo le mani in pasta, ultimamente sta diventando un'abitudine, e ho fatto questo pane libanese, che tagliato è pronto da farcire.
Una ricetta che mi rappresenta stravagante, un'accoppiata inusuale,  ma vi assicuro assolutamente di gran effetto per le mie papille! Io mi sono "arrangiata" con la farina che avevo in casa sicuramente con la manitoba vengono più gonfi.
Ingredienti per 4 pita da 14 cm di diametro e 1 da 12 cm:
130 g di farina 00
70 g farina di farro
7.5 g di lievito di birra
125 g di acqua tiepida
2 pizzichi di sale
per la farcitura:
150 g di ricotta di capra
sugo di pomodoro fresco
300 g di peperoncini verdi
sale


Preparazione: 
sciogliete il lievito nell'acqua tiepida e fate riposare 5 minuti.
in una terrina mescolate la farina e il sale, diponete a fontana e aggiungete il lievito diluito, mescolate e poi impastate il tempo necessario per ottenrere un impasto omogeneo, lisco e leggermente colloso alle dita. Coprite e lasciate lievitare per 2 ore a temperatura ambiente.
Al termine della lievitazione la pasta deve aver raddoppiato il suo volume, mettetela su un piano di lavoro infarinato e comprimetela dolcemente con i pugni. E' normale che la pasta sia leggermente collosa. Dividela in 5 pezzi, formate delle palline, coprite  e lasciate lievitare nuovamente per 30 minuti.
Infine con un matterello stendete ogni pallina in disco di circa 10-15 cm di diametro. Disponete i dischi ottenuti su uno strofinaccio infarinato e lasciate lievitare nuovamente altri 10 minuti.
Preriscaldate il forno a 240° e disponete i dischi sulla placca ben calda, precedentemente rivestita di carta forno. Vaporizzate con dell'acqua il "sopra" di ciascun pane e infornate per 6 minuti circa,
Sfonate e flate intiepidirequalche minuto su una grigli, coprendo con uno strofinaccio affinchè la crosta sia ben morbida.
Nel frattempo pulite i peperoncini togliendo il picciolo, poi passateli con un panno umido. Fate scaldare una padella antiaderente e mettete i peperoncini senza olio, fateli scottare da tutti i lati e poi unite la salsa di pomodoro, regolate di sale e fate cuocere una decina di minuti.
Tagliate a fette la ricotta.
Tagliate il pane in due e farcitelo con i peperoncini e la ricotta. Mettete un po' di sugo anche sul pane.
E come dice Magali "leccatevi i baffi!"

venerdì 21 giugno 2019
E per parafrasare il grande Toto' "Koglioni si nasce ed io lo nacqui!", guardate quest'ultima Helgata e mi darete ragione. Questa la posso benissimo chiamare l'Helgata Mitica 😄 effettuata assolutamente in solitaria, se siete curiosi CLICCATE QUI
giovedì 20 giugno 2019
Il cammino prosegue, penso non molti siano ancora sulla strada, ma io imperterrita vado avanti!

24 - Assapora l’umiltà
Alcuni potrebbero pensare che essere umili significhi essere meno degli altri, una sorta di zerbino, un individuo di serie B oppure qualcuno che rimane nell'ombra.
In realtà non è niente di tutto questo. Umiltà significa non cercare di fomentare il tuo proprio ego, né di fare colpo a tutti i costi sulle persone, né di competere con lo status degli altri. Significa, infine, non essere preoccupato di se stessi oltre misura. Pensa che sollievo!
La radice della parola "umile" deriva dal termine latino "humus" che significa "terreno". Essere umile ti permette di essere come la terra stessa due punti solido e senza pretese.
Umiltà non significa umiliazione, Infatti un'umiltà rilassata costruisce la fiducia in se stessi: significa sapere di avere Nobili intenzioni aspettarsi che esse vengano sostenute anche dagli altri.
Nelle relazioni crea agio e comfort, è come una mano aperta, disarmata di superiorità, disprezzo o autocelebrazione. Non rincorrendo l'approvazione a ogni costo, diventi maggiormente consapevole del tuo naturale valore, che anche gli altri vedranno ora con maggiore chiarezza: meno ti focalizzerai sul venire a apprezzato, maggiore apprezzamento riceverai. L'umiltà incarna la saggezza.
Come
Una sana umiltà si fonda su un sano riconoscimento del proprio valore. Sentirsi umili non significa sentirsi inadeguati e non significa nemmeno tollerare dei maltrattamenti. Difendi te stesso con coraggio e fai quello che puoi. Sapere di essere preparato a essere assertivo rende più facile rilassarsi e assaporare un'umidità che non ha bisogno di stare sulla difensiva.
Una persona umile desidera il bene di tutti gli altri essere umani compreso se stesso. Puoi comunque sognare in grande e cercare di far diventare realtà quei sogni.
Sii onesto con te stesso riguardo qualsiasi comportamento tu possa avere che non ti permette di essere umile, così come in quelle situazioni in cui forse sei stato pretenzioso, arrogante, cerca di amalgamati maggiormente agli altri: sii modesto, Non cercare sempre di avere ragione su tutto, non interrompere non invadere il campo degli altri prendendoti spazio e meriti non tuoi.
Puoi rafforzare alcuni dei substrati neurali dell'umiltà nei seguenti modi:
assumere una visione panoramica, tuttocampo, delle situazioni di come tu svolgi una parte attiva di esse;
sentire il tuo respiro come un tutt'uno unificato, con tutte le sensazioni adesso riferite che si manifestano consapevolmente, come una singola gestalt (piuttosto che come un’attenzione frammentata, che salta da sensazione sensazione, come accade di solito).
Esplora il significato dell' umiltà in tutta la sua estensione. Ad esempio, nota ogni convinzione secondo la quale il tuo punto di vista politico, la tua nazione la tua forma di spiritualità siano superiori a quelli degli altri. Considera anche in che misura consumi delle risorse del nostro pianeta, secondo la prospettiva dell’essere umili: c'è qualche cambiamento che vorresti fare a tale riguardo?
Più in generale, siI consapevole delle ricompense portate in dono dall’umiltà. Goditi il modo in cui essa rende più semplice la tua giornata, ti tiene lontano dai conflitti con gli altri e ti dona la pace.

ELENCO RICETTE

ELENCO RICETTE
clicca sul micio!

Cerca nel blog

Archivio blog