CONTATORE

Sommario

l'MTC

l'MTC
dal 10 al 25 del mese

The Recipe-tionist

The Recipe-tionist
Dal 15 al 31

I NOSTRI VIDEO ....

PER VEDERE I NOSTRI VIDEO (TROPPO DIVERTENTI!) ANDATE IN ALTO ALLA DESTRA DELLA SCRITTA HOME PAGE

Lettori fissi

Magali

Magali
lunedì 2 agosto 2010
Sto leggendo “Il ristorante dell’amore ritrovato”, che narra di una giovane donna , cameriera in un ristorante di Tokio, che, una sera, tornando a casa, nella quale viveva con il suo fidanzato, la trova completamente vuota, priva dei suoi ricercati utensili da cucina, dei mobili, del denaro ed ovviamente del compagno, unica eccezione un recipiente di terracotta della nonna utilizzato per il nukadoko (pasta fermentata a base di crusca di riso).
Il trauma è così violento che perde completamente la voce. Appigliandosi con tutte le sue forze all’unico suo bene rimasto, decide di ritornare al paese natio. Il recipiente è il solo collegamento tangibile con le sue radici.
Lì decide di aprire, con l’aiuto della madre che le presta il denaro ad un interesse elevatissimo, un ristorante “ Lumachino”. Questo è un posto speciale è lei, Ringo-chan, che decide il menù per i suoi clienti che possono essere anche solo una o due persone e loro, gustando le prelibatezze studiate, curate e cucinate appositamente, vedono concretizzarsi la cosa che più desiderano al mondo.
Il cibo assume una connotazione magica …
Non so ancora come finirà il libro, non è importante …
La narrazione scorre piacevolmente ed invoglia a conoscere chi sarà il prossimo cliente del “Lumachino”, chiamato così perché, in questo luogo, il cibo va assaporato lentamente, a scoprire il suo sogno …
Le parole arrivano dritte al cuore e alimentano in me nuove passioni, scoperte di un mondo lontano ricco di una cultura affascinante, in cui la tradizione rappresenta veramente una certezza, un’ancora di salvezza nei momenti più disperati.
Vorrei avere anche io la capacità di far scorrere le frasi dolcemente, di far incantare chi mi legge e soprattutto di trasmettere serenità ed al contempo entusiasmo e desiderio di intraprendere nuovi progetti, di trasformare anche il dolore lacerante in qualcosa di costruttivo.

Ed ecco la ricetta del giorno un antipastino, fresco, originale e rapido!


Indivia & caprino
Ingredienti per 6 persone:

2 indivia belga
100 g di formaggio fresco di capra o tipo Philadelphia
30 g di prezzemolo
aglio (secondo il vostro gusto)
sale

Preparazione:
prendete le foglie più grandi dell’indivia, lavate e asciugate.
Lavate, asciugate e tritate finemente il prezzemolo.
In una scodella mescolate il formaggio con il prezzemolo, sale e aglio tritato (se volete metterlo).
Riempite le foglie di indivia.
E come dice Magali “leccatevi i baffi!”

1 commenti:

Minù ha detto...

Dev'essere bellissimo questo libro che stai leggendo! Io non sono una grande amante della lettura, pero' il tuo racconto mi ha incuriosito parecchio e ho deciso di comprare questo libro!
Se riusciro' nell'impresa di leggerlo fino alla fine dovro' ringraziarti a vita! ;-)
E che dire di quest'antipastino: fresco, originale e stuzzicante!
Brava, come sempre!
Baciotti
Minù

Posta un commento

Dite la vostra!

ELENCO RICETTE

ELENCO RICETTE
clicca sul micio!

Cerca nel blog

Archivio blog

Ci siamo anche noi!

Tutti Uniti!

Tutti Uniti!

Siamo

Siamo