CONTATORE

Sommario

l'MTC

l'MTC
dal 10 al 25 del mese

The Recipe-tionist

The Recipe-tionist
Dal 15 al 31

I NOSTRI VIDEO ....

PER VEDERE I NOSTRI VIDEO (TROPPO DIVERTENTI!) ANDATE IN ALTO ALLA DESTRA DELLA SCRITTA HOME PAGE

Lettori fissi

Magali

Magali
martedì 7 agosto 2018
In quest'ultima settimana ho letto un po' a rilento, ho, comunque, appena terminato questo libro
Si svolge in America e, quasi del tutto, a New York nei primi anni cinquanta: le storie di Caroline, April, Gregg, Barbara, Mary Agnes si iincrociano nella casa editrice Fabian. Un libro che parla della figura femminile che, in quell'epoca, approda a New York ricca di sogni, agguerrita, romantica, fragile.
Le ragazze, se pur attraverso percorsi differenti, coltivano tutte il sogno dell'amore, quello che dovrebbe durare tutta la vita. Si scontrano con la dura realtà: il panico, la vita da single, le avances dei capi, le sbornie per dimenticare, gli abbandoni, i tradimenti, ma anche la passione e il sentimento.
E' uno spaccato di vita intenso e reale, che fa emergere una donna sensibile, fragile, ma che dopo essere, a volte, calpestata e usata ha un moto di riscossa e, per fortuna, gran parte delle figure maschili del libro non brillano certo per galanteria e sensibilità e non fanno proprio una gran bella figura, ma questo sicuramente non è altro che la rappresentazione della vera essenza.
Non ho estrapolato degli stralci particolarmente significativi, perchè il libro è da leggersi come un racconto, una sorta di diario delle protagoniste. Ho riscontrato, però, di quanto sia molto contemporaneo rispetto al presente, di quanto gli Stati Uniti fossero "più avanti" sicuramente rispetto al nostro dopo guerra: vi era già il divorzio, la donna in cerca di lavoro era una norma, pur conservando come obiettivo quello del matrimonio!
Un libro che si legge volentieri, pur toccando argomenti "pesanti".


1 commenti:

Ilaria Talimani ha detto...

cara Helga ho amato “il meglio della vita” e l’ho già letto almeno 4 volte. Un manuale di vita, da leggere ogni tanto per ricordarsi chi siamo, cosa vogliamo, e che non sempre quello che gli altri si aspettano da noi è la cosa giusta da fare. Una lotta contro gli stereotipi, in una America molto più avanti dell’Italia, ma più avanti anche di come invece non sia oggi non trovi?!? Garzie per i tuoi post sono sempre molto interessanti

Posta un commento

Dite la vostra!

ELENCO RICETTE

ELENCO RICETTE
clicca sul micio!

Cerca nel blog

Archivio blog

Ci siamo anche noi!

Tutti Uniti!

Tutti Uniti!

Siamo

Siamo