CONTATORE

Sommario

In francese

l'MTC

l'MTC
dal 13 al 28 del mese

The Recipe-tionist

The Recipe-tionist
Dal 5 al 25

Fino al 10 giugno

Lettori fissi

I NOSTRI VIDEO ....

PER VEDERE I NOSTRI VIDEO (TROPPO DIVERTENTI!) ANDATE IN ALTO ALLA DESTRA DELLA SCRITTA HOME PAGE

Magali

Magali
sabato 28 giugno 2014
Oggi, anche se sabato, riesco a fermarmi solo adesso, sembra impossibile ma è così ... Mentre sbrigavo faccende, cucinavo, preparavo bagagli ..., come d'abitudine riflettevo circa la scaramanzia o meglio piccoli riti che si compiono in occasione di determinati eventi. Io non sono superstiziosa in alcun modo, ma ... da noi quando si viaggia in treno, in auto, in furgone è d'obbligo partire con la frittata di spaghetti!
Tutto risale ad una volta eravamo in viaggio verso Parigi e siamo rimasti bloccati, a causa di un incidente, in coda per oltre tre ore e per fortuna avevamo a bordo la frittata di pasta, che da allora divenne nostra fedele compagna anche sul tgv, pure lì bloccati più di una volta, quindi per farla breve domani mio marito parte per un viaggio di lavoro molto lungo in furgone e oggi dopo aver già pulito tutta la cucina, zac --- un lampo "Non ho fatto la frittata di spaghetti!" ed allora vai si ricomincia e mi sono messa subito all'opera, perchè senza di lei non si può partire, è il ben augurio per un buon viaggio!
Ed ora passiamo ad un altro argomento:  ebbene sì "La piada genera mostri" ormai non abbiamo più ritegno Magali ed io questo mese ci siamo buttate a capofitto, sicuramente il clima dei giorni scorsi ci ha dato un po' alla testa ... già siamo "fuori" normalmente ...
Questa volta Magali ha voluto concludere così la piacevole tenzone dell' MTC e sempre seguendo, le indicazioni della bravissima Tiziana 8anche questa volta abbiamo dimezzato le dosi).
 Ed ora esausta si riposa ...
Ecco la folle creazione della pelosotta!

Le gattine
Ingredienti:
220 g di farina 00
30 g di cacao amaro
62 g di acqua
62 g di latte parzialmente scremato fresco
50 g di strutto
7,5 g di lievito per torte
5 g di sale fine
1 pizzico di bicarbonato di sodio

Per la farcia:
250 g di formaggio fresco light
il succo filtrato di mezzo limone 
2 cucchiai di maizena
70 g di zucchero
300 g di ciliegie fresche

Preparazione:
fate scaldare al microonde il latte e l'acqua per pochi secondi in modo che siano tiepidi. Lasciate ammorbidire lo strutto mezz'ora circa fuori dal frigorifero. Su di un tagliere disponete la farina e il cacao setacciato, fate un buco al centro con la mano. All'interno mettete lo strutto a pezzetti con il lievito, il bicarbonato e il sale, schiacciatelo con la forchetta per ammorbidirlo, aggiungete l'acqua e il latte. La consistenza inizialmente potrebbe essere un pochino appiccicosa e la pasta si attaccherà al tagliere ma impastando per una decina di minuti, cambierà staccandosi e diventando molto morbida e liscia. Se il liquido è troppo poco si sfalda e risulta un po' dura. Mettete l'impasto in una ciotola e coprite con la pellicola per alimenti. Lasciate riposare 48 ore al fresco, massimo 20°C, se fosse più caldo potete lasciare riposare la pasta in frigorifero e metterla a temperatura ambiente 2 ore prima dell'uso. La pasta ottenuta sarà circa 450 grammi, dividetela in 3 pezzi da 140 grammi circa e formate delle palline, lasciatele riposare almeno mezz'ora. Infarinate appena il tagliere e disponetevi una pallina d'impasto, schiacciatela con la punta delle dita, stendete la piadina con il mattarello girandola spesso in modo che rimanga rotonda. Avrà un diametro di circa 20 centimetri e uno spessore di 0,5 centimetri. Scaldate il testo o l'apposita teglia di terracotta, su un fornello a doppia fiamma, con sotto uno spargifiamma. Se non avete nessuna di queste teglie utilizzate una padella antiaderente piuttosto larga. La temperatura non dovrà essere troppo alta altrimenti la piadina si brucia fuori e rimane cruda all'interno, ma nemmeno troppo bassa. Potete fare una prova con un piccolo pezzetto di pasta per regolare la giusta temperatura. Cuocete pochi minuti per lato, controllate sempre alzando la piadina con una paletta. Con un coppa pasta tagliate le forme di gatto.
Intanto preparate la crema: fate sciogliere lo zucchero con il succo di limone e aggiungete la maizena, mescolate e togliete dal fuoco e aggiungetelo tiepido al formaggio light, precedentemente lavorato. Otterrete così una crema omogenea.
Lavate, asciugate le ciliegie, tagliatele a metà e denocciolatele, amalgamatele alla crema.
Con l'aiuto del coppapasta mettete sul fondo una forma di gatto, poi farcite con la crema e mettete una seconda forma di gatto, mettete in frigo per un'ora circa.
Togliete il coppa pasta e servite.
E come dice Magali "leccatevi i baffi!"

4 commenti:

Ilaria Agostini ha detto...

Questa idea mi sembra meravigliosa e ci credo che Magali si e' stancata dopo essersi spremuta le meningi con cotanta bravura!!!!
Manca solo l'assaggio mannaggia
Buon viaggio allora e un abbraccio

Afrodita ha detto...

Ciao questa è la mia prima partecipazione all' mtc. Queste piadine a forma di gatto sono stupende!!! Hai avuto un' idea davvero fantasiosa!!!

Tiziana M ha detto...

No va beh.. non so cosa ma di sicuro qualcosa alla testa vi ha dato.. aaahhhhaah.. folli queste formine a forma di gatto, folli e geniali, del resto si sa che i geni non sono proprio a posto!!! Ma d'altronde una che prepara la frittata ad ogni partenza... aaahhhah.. scusa ma non ho resistito, tutto per scherzare naturalmente, sei forte!!!

elenuccia ha detto...

Nooooo, ci credo che Magali fosse esausta dopo questa creazione. A parte la delizia delle formine l'idea della piada al cacao è TROPPO AVANTI!!!! e io che pensavo che fosse una specie di gelato biscotto...e invece no, piadina romagnola con crema al formaggio. Fantastico!! veramente fantastico

Posta un commento

Dite la vostra!

ELENCO RICETTE

ELENCO RICETTE
clicca sul micio!

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

Ci siamo anche noi!

Siamo

Siamo