CONTATORE

Sommario

l'MTC

l'MTC
dal 10 al 25 del mese

The Recipe-tionist

The Recipe-tionist
Dal 15 al 31

I NOSTRI VIDEO ....

PER VEDERE I NOSTRI VIDEO (TROPPO DIVERTENTI!) ANDATE IN ALTO ALLA DESTRA DELLA SCRITTA HOME PAGE

Lettori fissi

Magali

Magali
domenica 4 maggio 2014
Non sono una foodblogger per eccellenza, perchè ...
ho tantissime cose ancora da imparare, parlare sempre e solo di un unico argomento, qualsiasi esso sia, mi annoia terribilmente, è vero la cucina è un esperimento continuo, un'evoluzione e una crescita personale, ma io adoro spaziare. Ho sempre desiderato essere più simile ai molti, ma sono nata così, ho sempre un diavoletto nascosto che mi spinge sempre verso qualcosa che mi entusiasmi e, soprattutto, che non sia la "solita minestra".
Per il bicentenario della sua morte, a Parigi è stata allestita una mostra in onore di Marie Joseph Rose de Tascher de la Pagerie, meglio conosciuta come Joséphine de Beauharnais e ancor di più come moglie di Napoleone Bonaparte e durante una mia "toccata e fuga" parigina non potevo assolutamente farmela scappare. 
Non amo la storia, le biografie, lo confesso mi annoiano, ma questa figura mi ha da sempre affascinato, spingendomi ad approfondire, con l’ausilio di più libri, il suo vissuto. Una donna dal carattere eccezionale, forte, volitiva, intelligente, affascinante capace di partire dalla natia Martinica, luogo in cui una veggente le predisse che sarebbe diventata regina, fino ad approdare in Francia, dapprima divenne moglie del visconte Alexander de Beauharnais, da qui deriva il cognome con cui è nota, e poi nel 1796 sposa di Napoleone.
La mostra è stata organizzata al Museo del Lussemburgo, sito nell’omonimo giardino, e già solo il luogo dà gioia al cuore soprattutto in questa stagione, consta di due stanze in cui sono esposti i gioielli, tra cui l’anello di fidanzamento ricevuto in dono da Napoleone, i ritratti, il servizio da thè d’ispirazione egizia sempre donatole dall’imperatore, l’arpa con cui si dilettava, qualche abito, seguiva attentamente la moda dell’epoca, e alcuni pezzi facenti parte della sua mobilia.
Questa mostra mette in luce la vera immagine di Joséphine: una donna moderna, appassionata di viaggi, musica e amante dei giardini, che incarna ancora oggi il destino insolito in una società in pieno mutamento, insomma questa mostra rappresenta, semplicemente, uno spaccato di vita, di una donna passata alla storia, purtroppo, non tanto per le sue valide peculiarità, ma per gli uomini ai quali si è accompagnata.
Ho fatto un video brevissimo (clicca QUI per vedere video), dura poco più di un minuto, per far sì che i miei occhi possano essere i vostri.

Vi presento questa ricetta, visto che al mercato ho trovato ancora delle pere ottime, ho pensato bene di utilizzarle così.
Torta alle pere
Ingredienti:
Per la pasta brisé:
per la pasta brisé:
200 g di farina
100 g di burro
7 cl di acqua
2 cucchiaini di zucchero
1 pizzico di sale

per la farcia:
80 g di polvere di mandorle
80 g di zucchero di canna
1 uovo
3 cucchiai di latte
1 cucchiaini di olio di semi
2 pere piccole

Un po’ di latte e zucchero per la finizione

Preparazione:
per la pasta: nel robot mettete la farina, il burro freddo di frigo, l’acqua fredda, lo zucchero e il sale. Avviate alla massima potenza e nel giro di pochi minuti si formerà una palla. Avvolgete nella pellicola alimentare e mettete in frigo fino al momento di utilizzare.
Per la farcia: in una scodella mescolate la polvere di mandorle, lo zucchero, l’uovo, il latte e l’olio, finchè il tutto sia ben amalgamato.
Preriscaldate il forno a 180°.
Pelate le pere e tagliatele in fette sottili.
Togliete la pasta brisé dal frigorifero e Stendetela in una tortiera più piccola delle dimensioni della pasta stessa, mettetevi la crema, poi le pere. Ripiegate i bordi, spennellateli con del latte e spolverizzate con dello zucchero di canna.
Infornate e fate cuocere per 40 minuti circa.
E come dice Magali “leccatevi i baffi!”

2 commenti:

Loredana ha detto...

Grazie , Helga di essere così come sei.
Siamo tutte brave a parlare di cucina, ma tu aggiungi sempre qualcosa di più, la tua passione per Parigi e la condivisione.
Un abbraccio

cristina b. ha detto...

grazie helga per questo post interessantissimo e per il video! che bei gioielli che aveva joséphine...
la tua torta è perfetta per una bella merenda golosa!!!
buona settimana :)

Posta un commento

Dite la vostra!

ELENCO RICETTE

ELENCO RICETTE
clicca sul micio!

Cerca nel blog

Archivio blog

Ci siamo anche noi!

Tutti Uniti!

Tutti Uniti!

Siamo

Siamo