CONTATORE

Sommario

l'MTC

l'MTC
dal 10 al 25 del mese

The Recipe-tionist

The Recipe-tionist
Dal 15 al 31

I NOSTRI VIDEO ....

PER VEDERE I NOSTRI VIDEO (TROPPO DIVERTENTI!) ANDATE IN ALTO ALLA DESTRA DELLA SCRITTA HOME PAGE

Lettori fissi

Magali

Magali
domenica 5 luglio 2015
Oggi vi parlo di questo film che ho appena visto
I due interpreti Diane Keaton, un’insegnante in pensione, e suo marito Morgan Freeman, pittore di discreto successo, abitano da quando sono sposati, cioè da quarant’anni, con l’amata cagnolina Dorothy in un appartamento a Brooklyn situato ad un piano elevato senza ascensore. Proprio per questo motivo, anche se a malincuore, decidono di metterlo in vendita. La più variopinta specie umana si reca a vederlo durante l’open day designato alle visite e a loro volta, i due protagonisti, Ruth e Alex partecipano ad altrui open day per cercare un appartamento che li soddisfi in luogo di quello attuale.
Durante tutto il film emerge l’amore e il rispetto che ancora lega i protagonisti dopo così tanto tempo, le attenzioni reciproche, il ridere insieme, il ricordare il loro passato, l’amore per la loro cagnolina che li unisce ancora di più, non possono far altro che far bene al cuore e provare, forse, un po’ di invidia per questo loro rapporto così magico.
Alla fine decideranno di rimanere nel loro appartamento semplicemente, perché si rendono conto che non hanno bisogno d’altro, che lì è l’unico posto dove veramente desiderano vivere.
Ora andiamo all'argomento del momento: caldo, caldo e ancora caldo ... Il balcone della mia cucina affaccia su un ampio cortile e in questo periodo in molti stanno più fuori che dentro casa e ho potuto riscontrare che la "mise" più in voga è il modello mutanda, sfoggiato nelle varie versioni e con fisici non propriamente atletici, ma davanti a 'sto caldo infernale non ci si formalizza, i tabù cadono come le mura di Gerico, c'è solo un obiettivo da raggiungere: la sopravvivenza!
E’ già la terza notte che dormo sul balcone ormai denominato "la locanda dell'allegra mutanda" per essere in sintonia con il circondario, e non ho propriamente una terrazza, stasera ho deciso: non faccio neanche il tentativo di mettermi a letto! Direttamente sulla brandina … sono super attrezzata guardo video con il telefonnino, leggo, mangio gelato finchè non sopraggiunge il sonno. Magali, mi dà il cambio, utilizzando il balcone di giorno ...

Con questo caldo non ho assolutamente voglia di accendere il forno e allora ho preparato questo dolce che, tra parentesi, a parte il burro contenuto nella base, è veramente light. Ho volutamente fare un bello strato di gelatina e vi garantisco che è assolutamente buonissimo! Nella ricetta ho utilizzato del tofu morbido che se volete potete fare a casa, il procedimento è molto semplice e lo trovate qui
Cheesecake very light ai lamponi
Ingredienti per uno stampo da 19 cm:
230 g di biscotti petit beurre e torcetti
115 g di burro alleggerito

300 g di ricotta
100 g di tofu morbido
zeste di mezzo limone bio
1 cucchiaino scarso di agar agar
50 g di zucchero
½ cucchiaino di semi di vaniglia

450 g di lamponi
90 g di zucchero
1 cucchiaino di agar agar
2 gocce di limone

Per guarnire
4/5 lamponi
Foglie di menta

Preparazione:
nel mixer sbriciolate i biscotti e aggiungete il burro fuso, azionate per mescolare bene.
Non avendo il cerchio, ho utilizzato "il bordo" di uno stampo a cernier posizionato direttamente sul piatto e l'ho foderato d carta forno. Sul fondo mettete i biscotti sbriciolati e pestate bene con un batticarne, mettete in frigorifero.
In una terrina mettete la ricotta e il tofu e mescolate bene con una forchetta, aggiungete poi lo zucchero, la scorza gratugiata del limone e i semi di vaniglia. In una scodellina con un cucchiaio scarso di acqua sciogliete l’agar agar e aggiungetelo al composto e mescolate.
Tirate fuori dal frigo la base di biscotti e versate il composto nel modo più possibile omogeneo e livellatelo con una spatola, rimettete in frigorifero.
In una casseruola mettete i lamponi, lo zucchero e il limone, mettete a fuoco basso e girate con l’aiuto di una forchetta. Bastano pochi minuti finchè lo zucchero non si scioglie. Togliete dal fuoco e passate al colino, io prima ho utilizzato un colapasta anni ’50 con buchi piccoli, piccoli e poi un colino tipo quello per il tè.
In una scodellina sciogliete l’agar agar in un po’ di sciroppo e poi unitelo alla restante gelatina e mescolate.
Tirate fuori dal frigorifero la torta e versatevi sopra la gelatina.
Rimettete in frigorifero per almeno 5 ore, se volete accelerare la solidificazione passate in freezer per una mezzora.
E come dice Magali “leccatevi i baffi!”

3 commenti:

elenuccia ha detto...

Mi hai fatto troppo ridere con "la locanda dell'allegra mutanda". succede un po' la stessa cosa durante e alla fine delle corse impegnative, la fatica fa perdere un po' il pudore...l'importante è sopravvivere :-)
La torta deve essere proprio fresca. A me piacciono le cheesecake a freddo, le trovo molto fresche ed estive, ma purtroppo la dolce metà non le ama quindi non le faccio quasi mai. Deve essere divina con quella gelatina ai lamponi

cristina b. ha detto...

che meraviglia! very light & very good!! ho in dispensa una bustina di agar agar da un po' di tempo... adesso so come usarla!!!
assolutamente da NON mangiare sul balcone, altrimenti ti trovi all'uscio tutto il vicinato... ;)

SimoCuriosa ha detto...

adoro i cheesecake...certo dalle ricette che ho sul blog si capisce!
certo questo, a parte la base, è light ma sai che non ho mai usato il tofu?
che dici provo?
baci e buona giornata

Posta un commento

Dite la vostra!

ELENCO RICETTE

ELENCO RICETTE
clicca sul micio!

Cerca nel blog

Archivio blog

Ci siamo anche noi!

Tutti Uniti!

Tutti Uniti!

Siamo

Siamo